Sulle mura intorno alla città

Tu sei qui

Le Mura

Poche città al mondo possono vantare un circuito murario integro e ben conservato come quello che Lucca offre ai suoi visitatori. Le Mura sono sicuramente il monumento cittadino per eccellenza, racchiudono il centro storico sviluppandosi in un percorso di più di 4 Km ricco di verde e di storia. Nel corso dei secoli le diverse fasi evolutive del tessuto urbano sono state accompagnate dalla realizzazione di differenti cerchie murarie. La prima, quella romana, risalente al II secolo a.C., realizzata con grandi blocchi di travertino, era lunga circa 2700 m ed è rimasta in uso, con successivi interventi di restauro, per quasi 1400 anni. Nel XIII secolo, le nuove esigenze difensive e l’incremento dell’area urbanizzata, portarono all’edificazione di una nuova cinta muraria che si presentava all’esterno con un paramento di conci lapidei regolari, mentre all’interno era caratterizzata da una muratura di mattoni, per uno spessore complessivo di circa 2,50 m. Numerose torri semicircolari caratterizzavano le cortine e le porte della città, come si può ancora vedere attraversando la Porta dei Santi Gervasio e Protasio e la Porta di Santa Maria o “dei Borghi”. In prossimità delle porte, sin dal XIII secolo, si formarono i borghi, e ben presto fu necessario difenderli con un ampliamento della cinta che si completò a metà del XV sec. Agli inizi del secolo successivo la città di Lucca fu impegnata in un dispendioso e lungo lavoro di ammodernamento delle proprie strutture difensive, che sfociò nella costruzione della nuova cinta rinascimentale, iniziata alla metà del XVI secolo e completata solo un secolo più tardi. Questa ultima cerchia di mura era accessibile attraverso tre grandi porte, San Donato, Santa Maria, San Pietro e anche grazie ad un cospicuo numero di sortite militari, oggi utilizzate come passaggi pedonali.; le cortine murarie sono intervallate da ben undici baluardi. Nel corso dell’Ottocento, ormai cessata la funzione difensiva, le mura divennero il luogo della “passeggiata” e oggi sono un parco verde aperto al pubblico.

Le mura, baluardo di San Regolo

Le Mura, Baluardo San Regolo (Foto di Mario Ciampi).

Una panoramica delle Mura

Le Mura costituiscono una singolare passeggiata, unica al mondo. Percorrendone l’ininterrotto circuito, che avvolge il centro storico, si gode di una completa visuale sui monumenti, le chiese e i palazzi della città. Si è invitati a scendere per visitarne le architetture e i percorsi.

[Filmato - PanoramicaMura]

Le Mura come difesa

I Baluardi

I Baluardi di Lucca

L’illustrazione rappresenta la possibilità di allagamento degli spalti intorno alle Mura come difesa estrema della città.

Pianta del 1660

Le mura di Lucca, pianta del 1660

Nella rappresentazione prospettica della città (1660, autore ignoto) è evidenziata la parte delle Mura comprendente i tre baluardi di Santa Croce, San Donato e San Paolino con le fortificazioni esterne.

Lucca romana: I secolo a.C. - II secolo d.C.

Le mura di Lucca romane

Lucca medievale: XII - XIII secolo d.C.

Le mura di Lucca medievali

Lucca tardo medievale: XIV - XV secolo d.C.

Le mura di Lucca tardo medievali

Lucca oggi

Le odierne mura di Lucca

L'evoluzione delle Mura

Nei secoli si sono susseguite quattro cerchie murarie. La prima, costruita nel II secolo a.C. in blocchi di travertino, era lunga 2.700 m e rimase in uso per quasi 1400 anni. Nel XIII secolo, nuove esigenze difensive portarono all’edificazione di una cinta in pietra e mattoni, scandita da torri semicircolari che affiancavano anche le porte della città, di cui oggi si conservano Porta San Gervasio e Porta dei Borghi. In prossimità delle porte si formarono i borghi, che comportarono un ampliamento della cinta nella metà del XV secolo. Agli inizi del XVI secolo la città eresse la cinta rinascimentale, ultimata a metà del XVII secolo.

[Filmato - EvoluzioneMuraLucca]

Il miracolo di San Paolino

San Paolino

Nel quadro di Girolamo Scaglia raffigurante il “Miracolo di San Paolino”, la narrazione dell’evento permette di cogliere la realtà della vita intorno alle Mura alla metà del 1600. L’ampio camminamento ed i baluardi erano abitualmente frequentati sia dai militari che dai civili, come si può notare nei particolari del dipinto che ha come soggetto l’intervento miracoloso di San Paolino, Patrono di Lucca, che salva da morte certa i cittadini raggiunti da un colpo di cannone inavvertitamente caricato a proietti anziché a salve.

Il miracolo di San Paolino, quadro di Girolamo Scaglia

Signori e popolo sul baluardo San Donato (Particolare del quadro)

Quadro Miracolo di San Paolino - Particolare folla sul baluardo S. Donato

Ufficiali e bombardieri attorno ai cannoni (Particolare del quadro)

Quadro Miracolo di San Paolino - Particolare, ufficiali e bombardieri ai cannoni

Porta San Donato e baluardo Santa Croce (Particolare del quadro)

Quadro Miracolo di San Paolino - Particolare, Porta S. Donato e baluardo Santa Croce

Ponte di accesso alla città (Particolare del quadro)

Quadro Miracolo di San Paolino - Particolare, Ponte di accesso alla città

Le Mura di Lucca

Porta San Donato (Foto di Francesco Fazzini)

Foto di Lucca - Porta San Donato

Salita alle Mura (Foto di Francesco Fazzini)

Foto di Lucca - Salita alle Mura

Baluardo della Libertà (Foto di Mario Ciampi)

Foto di Lucca - Baluardo della Libertà

La "casa del boia" (Foto di Francesco Fazzini)

Foto di Lucca - La casa del boia

Porta Santa Maria (Foto di Francesco Fazzini)

Foto di Lucca -  Porta Santa Maria

Il fosso degli spalti di fronte al baluardo di San Colombano (Foto di Francesco Fazzini)

Foto di Lucca - Fosso degli spalti al baluardo di San Colombano

I sotterranei delle Mura

Foto di Lucca - I sotterranei delle Mura

Sortita di San Colombano (Foto di Mario Ciampi)

Foto di Lucca - Sortita di S. Colombano

Un Baluardo (Foto di Francesco Fazzini)

Foto di Lucca - Un baluardo