Skip to main content

Slow tourism

Pic nic sull'erba nel parco di Villa Reale nella piana di Lucca

 

Quando natura e cultura si intrecciano producono paesaggi ammirevoli che infondono benessere.

 

E' quello che succede lungo i cammini storici o nei paesaggi del cibo della Piana di Lucca che i locali conoscono bene, di cui vanno orgogliosi e che ben volentieri condividono con chi sceglie questi territori per un lungo soggiorno o per una breve vacanza ristoratrice.

Un territorio dalla storia antica traversato da Cammini "narranti": la via Francigena, che l'attraversa scendendo dalle colline della Versilia e dopo aver attraversato il centro storico di Lucca e di Altopascio, tappe fondamentali, prosegue verso sud attraversando le aree umide della pianura di Bientina, tra pioppete e chiari dove sostano numerosi i migratori in autunno e primavera.

Dall'Appennino scende invece la Via Matildica del Volto Santo, seguendo i passi della Grande Contessa che intorno al 1000 fu protagonista della Storia dell'Italia centale ed è tutt'oggi un grande personaggio della Storia al femminile.

 

Itnerari che uniscono cultura e ambiente, che seguono talvolta percorsi storici, come la via Francigena o la linea Gotica, attraverasando paesaggi naturali e umani ricchi di storia e di cultura.

 

A questi cammini si sono sovrapposti nel tempo altri percorsi, di altri personaggi, i mercanti della seta che su questi percorsi da Lucca raggiunsero i mercati del nord Europa lasciando un segno nella storia.Nella città ha lascito ricche dimore, ricordiamo il Palazzo Mansi per tutti, e sulle colline, grazie alla particolare esposizione, la ricchezza di acque e di boschi, la costruzinoe di un gran numero di ville monumentali, piccole corti di rappresentanza con parchi e giardini ancora oggi sorprendenti, con architetture di ninfei e grotte artificiali, alberi secolari di origine esotica, fioriture generose di camelie, il fiore simbolo di questa Storia.

 

 

Dall'Orto Botanico di Lucca, al Camelieto di Sant'Andrea di Compito sul Monte Pisano, ai girdini delle ville lucchesi, arbusti o alberi di questo fiore orientale, ormai naturalizzato non mancano mai ad abbelire percorsi e creare luoghi di indimenticabile raffinatezza.

La pianura di Lucca e le stesse colline, sono poi il luogo d'origine dell'inconfondibile sapore della cucina locale, quel Lucca oil, superior quality of olive oilsuperior quality of olive oil del Concise Oxford Dictionary orgoglio delle tavole della Piana di Lucca.

I paesaggi della vite e dell'olivo, le terrazze e le coltivazioni regolari disegnano infatti un paesaggio, e... una cucina, che tutto il mondo conosce ed ammira. Le selve di castagno completano, in autunno, questo viaggio nei sapori, immancabile e ristoratore "percorso" da fare anche con le gambe sotto il tavolino.

> La tavola
> I Cammini
> Le ville lucchesi
> Paesaggi e stagioni
> Parco dell'acquedotto