Skip to main content

La via francigena dentro le mura

> ENTRY POINT
> LA CREDENZIALE
> OSPITALITà
> UN ANNO DI EVENTI IN CAMMINO
Volto santo di Lucca

 

La via Francigena attraversa Lucca oggi come un tempo.

Sigerico (990) Vescovo di Canterbury, percorse il pellegrinaggio fino a Roma e al ritorno tenne un diario annotando le carattieristiche di ogni tappa. Quel percorso, secoli dopo diventerà un "Cammino d'Europa".

A Lucca, nelle grandi chiese, come nei vicoli, tanti sono i segni lasciati dal passaggio di questa importante strada.

Lucca a quel tempo era ancora cinta dalla prima cerchia di Mura, quella romana. Per convenzione si fa iniziare il percorso interno alla città dalla Porta San Donato, che nel Medioevo, periodo di massima diffusione del pellegrinaggio come voto religioso, era la porta nord. Da qui la prima meta ricercata dai pellegrini era senz'altro la cattedrale di san Martino dove era custodito il Volto Santo che oggi sappiamo essere la scultura lignea più antica d'Europa. Nei secoli si sono raccolte attorno a questa figura innumerevoli leggende e storie miracolose in tutta Europa e un cospicuo "tesoro" oggi custodito all'interno del Museo della Cattedrale.

Per l'importanza avuta nella storia della città e per la devozione che gli hanno da sempre portato i lucchesi, il Volto santo è il simbolo stesso del pellegrinaggio a Lucca e si ritrova spesso raffigurato su architetture religiose e civili e protagonista di dipinti e sculture.

Nell'atrio della chiesa, altri elementi decorativi ricordano questo importante periodo: il labirinto dell'amore divino, lo stesso raffigurato nelle cattedrali del nord Europa, un ritratto della contessa Matilde che tanto si prodigò per i pellegrini, un'iscrizione in latino che è un giuramento dei cambiavalute di Lucca che si impegnavano a non ingannare i pellegrini sotto il portico di San Martino né negli hospitali dove prestavano servizio.

Un altro luogo che ricorda il passaggio di numerosi pellegrini a Lucca è il vicolo dell'Altopascio. Il nome stesso allude alla presenza di un hospitale gestito dai monaci che poco più in la, ad Altopacio, avevano fondato uno dei maggiori luoghi di accoglienza lungo il percorso in un grande edificio attorno al quale si raccoglie adesso il centro storico della cittadina. Il simbolo del Tau si rionsce ancora su uno stemma posto sulla facciata del piccolo edificio neogotico.

In una stradina di fianco alla chiesa di san Frediano, il pozzo del palazzo Fatinelli, ricorda il miracoloso episodio che ha per protagonisti santa Zita e un pellegrino per il quale la santa, non avendo altro da offrire, mutò l'acqua del pozzo in vino.

Via Francigena Entry Point (momentaneamente chiuso) è un percorso virtuale lungo la via Francigena in cui sperimentare, in pochi passi, tutta l'esperienza del cammino.

 

 

> 7 GIORNI IN CAMMINO
> LUCCA ALTOPASCIO
> LUCCA FRANCIGENA
> PIETRASANTA LUCCA
> CAMMINARE LA FRANCIGENA
> CICLABILE FRANCIGENA
> CICLABILE FRANCIGENA
> MAPPA